Bonus Pubblicità

Credito di imposta del 50% sulle spese per investimenti in campagne pubblicitarie...

 


Soggetti Beneficiari

Soggetti titolari di reddito d'impresa o di lavoro autonomo e gli enti non commerciali che effettuano investimenti in campagne pubblicitarie.

 

 

Ambito territoriale
Italia
Programmi ammissibili
Investimenti in campagne pubblicitarie riferiti all’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, anche on-line, ovvero nell’ambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

Spese ammissibili

Sono ammissibili gli investimenti riferiti all’acquisto di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali su giornali quotidiani e periodici, nazionali e locali, anche on-line, ovvero nell’ambito della programmazione di emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.


Gli investimenti pubblicitari devono essere effettuati su giornali ed emittenti locali, analogiche o digitali editi da imprese titolari di testata giornalistica iscritta presso il competente Tribunale, ovvero presso il Registro degli operatori di comunicazione (ROC)  e dotate in ogni caso della figura del direttore responsabile.


Le spese per l’acquisto di pubblicità sono ammissibili al netto delle spese accessorie, dei costi di intermediazione e di ogni altra spesa diversa dall’acquisto dello spazio pubblicitario, anche se ad esso funzionale o connesso.


Sono escluse dal credito d’imposta le spese sostenute per l’acquisto di spazi destinati a servizi particolari; ad esempio: televendite, servizi di pronostici, giochi o scommesse con vincite di denaro, di messaggeria vocale o chat-line con servizi a sovraprezzo.

 

Agevolazione c/capitale

Regime de minimis.

Normativa Valida per il 2020

Per l’anno 2020, il credito di imposta è calcolato nella misura unica del 50% dell’intero valore degli investimenti pubblicitari effettuati, e non più sull’incremento rispetto all'investimento effettuato nell'anno precedente.

Con la stessa norma è stata differita la finestra temporale che consente la comunicazione per l’accesso al beneficio (la “prenotazione”), che dovrà essere presentata telematicamente dal 1° al 30 settembre 2020, con le stesse modalità previste dal vigente Regolamento.

 

Normativa Valida per gli anni diversi dal 2020

Credito d’imposta pari al 75% del valore incrementale degli investimenti effettuati rispetto all'anno precedente.


Il credito d'imposta è alternativo e non cumulabile, in relazione a medesime voci di spesa, con ogni altra agevolazione prevista da normativa nazionale, regionale o comunitaria.

 

Per maggiori informazioni contattateci.

 

Iscriviti alla Newsletter