Bando Isi Inail

Contributo a fondo perduto del 65% per tutte le imprese sui progetti che hanno l'obiettivo di migliorare i livelli di salute e sicurezza sul lavoro, la bonifica da amianto...

 

 

Soggetti beneficiari

In generale
Imprese ubicate nel territorio regionale
    In regola con DURC
    Con pieni poteri
    Che non hanno ottenuto finanziamenti su bandi ISI 2014, 2015 e 2016, Bando FIPIT 2014 e bando ISI agricoltura 2016
    Che per le stesse spese non hanno presentato domanda su altri bandi (eccetto Fondo Garanzia 662/96)

Nota se sullo stesso bene si vuol godere di agevolazioni fiscali è compito dell'impresa verificare cumulabilità con ISI 2017-

Requisiti specifici per asse.
Asse 1:
Progetti di investimento e per i progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale.
    imprese, anche individuali, ubicate su tutto il territorio nazionale iscritte al Registro delle imprese o all’Albo delle imprese artigiane.
Non sono ammissibili:
    le micro e piccole imprese, anche individuali, che svolgono attività classificate con uno dei seguenti codici ATECO 2007:
        C16 - INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO, ESCLUSI I MOBILI; FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO
        C23.2 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI REFRATTARI
        C23.3 FABBRICAZIONE DI MATERIALI DA COSTRUZIONE IN TERRACOTTA
        C23.4 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN PORCELLANA E IN CERAMICA
alle quali è riservata la partecipazione ai finanziamenti per i progetti di cui all’Allegato 5;
    le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, alle quali è riservata la partecipazione ai finanziamenti per i progetti di cui all’Allegato 6.

Asse 2
Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC)
    le imprese, anche individuali, iscritte al Registro delle Imprese o all’Albo delle imprese artigiane;
    i seguenti enti del terzo settore, ai sensi del d.lgs. n.117/2017 e iscritti nel Registro unico nazionale del Terzo settore ai sensi del d.lgs. n.117/2017:
o organizzazioni di volontariato (ODV);
o associazioni di promozioni sociali (APS);
o enti del terzo settore di natura non commerciale già Onlus;
o cooperative sociali e consorzi costituiti interamente da cooperative sociali;
o imprese sociali di cui al d.lgs. n.112/2017.

Non sono ammissibili:
    le micro e piccole imprese, anche individuali, che svolgono attività classificate con uno dei seguenti codici ATECO 2007:
        C16 - INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO, ESCLUSI I MOBILI; FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO
        C23.2 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI REFRATTARI
        C23.3 FABBRICAZIONE DI MATERIALI DA COSTRUZIONE IN TERRACOTTA
        C23.4 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN PORCELLANA E IN CERAMICA
alle quali è riservata la partecipazione ai finanziamenti per i progetti di cui all’Allegato 5;
    le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, alle quali è riservata la partecipazione ai finanziamenti per i progetti di cui all’Allegato 6.

Asse 3:
Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto
imprese, anche individuali, iscritte al Registro delle imprese o all’Albo delle imprese artigiane.
Non sono ammissibili:
    le micro e piccole imprese, comprese quelle individuali, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, alle quali è riservata la partecipazione ai finanziamenti per i progetti di cui all’Allegato 6.

Asse 4:
Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività
Micro e piccole imprese, anche individuali, ubicate iscritte alla CCIAA, che svolgono attività classificate con uno dei seguenti codici ATECO 2007:
        C16 - INDUSTRIA DEL LEGNO E DEI PRODOTTI IN LEGNO E SUGHERO, ESCLUSI I MOBILI; FABBRICAZIONE DI ARTICOLI IN PAGLIA E MATERIALI DA INTRECCIO
        C23.2 FABBRICAZIONE DI PRODOTTI REFRATTARI
        C23.3 FABBRICAZIONE DI MATERIALI DA COSTRUZIONE IN TERRACOTTA
        C23.4 FABBRICAZIONE DI ALTRI PRODOTTI IN PORCELLANA E IN CERAMICA

Asse 5:
Progetti per le micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli,
Micro e piccole imprese, operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli, iscritte nella sezione speciale (Imprenditori agricoli, Coltivatori diretti, Imprese agricole) del Registro delle Imprese o all’Albo delle società cooperative di lavoro agricolo, in possesso della qualifica di imprenditore agricolo di cui all’articolo 2135 del codice civile e titolari di partita IVA in campo agricolo, qualificate come:
    Impresa individuale,
    Società agricola,
    Società cooperativa.
Le imprese destinatarie dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori) devono inoltre avere al loro interno la presenza di GIOVANI AGRICOLTORI come di seguito indicato:
    in caso di impresa individuale: il titolare deve possedere la qualifica di imprenditore agricolo ed un’età non superiore ai quarant’anni alla data di chiusura della procedura informatica per la compilazione delle domande;
    in caso di società semplici, in nome collettivo e cooperative: almeno i due terzi dei soci devono possedere la qualifica di imprenditore agricolo e un’età non superiore ai quarant’anni alla data di chiusura della procedura informatica per la compilazione delle domande.
    Per le società in accomandita semplice la qualifica di imprenditore agricolo e un’età non superiore ai quarant’anni può essere posseduta anche dal solo socio accomandatario; in caso di due o più soci accomandatari si applica il criterio dei due terzi di cui al primo periodo;
    in caso di società di capitali: i conferimenti dei giovani agricoltori con qualifica di imprenditore agricolo ed età non superiore ai quarant’anni alla data di chiusura della procedura informatica per la compilazione delle domande devono costituire oltre il 50 per cento del capitale sociale e gli organi di amministrazione della società devono essere costituiti in maggioranza da giovani agricoltori con qualifica di imprenditore agricolo ed età non superiore ai quarant’anni alla data di chiusura della procedura informatica per la compilazione delle domande.


Ambito territoriale
Italia
Programmi ammissibili
Sono finanziabili le seguenti 6 tipologie di progetto, ricomprese, per la parte relativa agli stanziamenti, in 5 Assi di finanziamento:
    1. Progetti di investimento  - Asse 1
    2. Progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale - Asse 1
    3. Progetti per la riduzione del rischio da movimentazione manuale dei carichi (MMC) - Asse 2
    4. Progetti di bonifica da materiali contenenti amianto – Asse 3
    5. Progetti per micro e piccole imprese operanti in specifici settori di attività  - Asse 4
    6. Progetti per micro e piccole imprese operanti nel settore della produzione agricola primaria dei prodotti agricoli) - Asse 5.

I soggetti destinatari possono presentare una sola domanda di finanziamento in una sola Regione o Provincia Autonoma, per una sola tipologia di progetto tra quelle sopra indicate riguardante una sola unità produttiva.


I progetti finanziabili devono rispettare i seguenti criteri generali oltre a quelli specifici definiti in ciascun Allegato:
    • devono essere realizzati nei luoghi di lavoro nei quali è esercitata l’attività lavorativa al momento della presentazione della domanda; l’eventuale variazione del luogo di lavoro è ammissibile solo qualora sia debitamente motivata e non comporti la modifica dei parametri i cui punteggi hanno consentito il raggiungimento della prevista soglia di ammissione;
    • non possono determinare un ampliamento della sede produttiva con la costruzione di un nuovo fabbricato o con l’ampliamento della cubatura preesistente;
    • non possono comportare l’acquisto di beni usati;
    • non possono comportare l’acquisto di beni indispensabili per avviare l’attività dell’impresa.
Inoltre:
    • i progetti di l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non possono essere presentati dalle imprese senza dipendenti o che annoverano tra i dipendenti esclusivamente il datore di lavoro e/o i soci;
    • la tipologia di intervento , adozione di un modello organizzativo e gestionale di cui all’articolo 30 del d.lgs. n.81/2008 e s.m.i. non asseverato, può essere richiesta solo se l’impresa non dispone già di un sistema di gestione certificato OHSAS 18001.

 

Spese Ammissibili
Costi da sostenere dopo la chiusura del portale (31-05-2018) ed entro 365 giorni dall'ammissione al contributo.

Sono ammesse a contributo le spese direttamente necessarie alla realizzazione del progetto, le eventuali spese accessorie o strumentali funzionali alla realizzazione dello stesso e indispensabili per la sua completezza, nonché le eventuali spese tecniche entro i limiti precisati nel bando.

Le spese devono essere sostenute dall’impresa richiedente i cui lavoratori e/o titolare beneficiano dell'intervento e documentate.

Le spese ammesse a contributo devono essere riferite a progetti non realizzati e non in corso di realizzazione alla data ultima fissata per la compilazione della domanda.

Per "progetto in corso di realizzazione" si intende un progetto per la realizzazione del quale siano stati assunti da parte dell'impresa richiedente, in data anteriore al termine ultimo per la compilazione on line della domanda, obbligazioni contrattuali con il soggetto terzo che dovrà operare per realizzarlo.

Si precisa che la firma del preventivo per accettazione non costituisce obbligo contrattuale   

Non sono ammesse a contributo le spese relative all’acquisto o alla sostituzione di:
    • dispositivi di protezione individuale ai sensi dell’art. 74 del D. Lgs 81/2008 (fatta eccezione per i progetti riguardanti gli ambienti confinati di cui all’Allegato 1, Tabella 2, Sezione 3, lettera c);
    • veicoli, aeromobili e imbarcazioni non compresi nel campo di applicazione del D. Lgs 17/2010;
    • hardware, software e sistemi di protezione informatica fatta eccezione per quelli dedicati all’esclusivo funzionamento di impianti o macchine oggetto del progetto di miglioramento delle condizioni di salute e sicurezza;
    • mobili e arredi (scrivanie, armadi, scaffalature fisse, sedie e poltrone, ecc.);
    • ponteggi fissi.

Non sono inoltre ammesse a contributo le spese relative a:
    • trasporto del bene acquistato;
    • ampliamento della sede produttiva con la costruzione di un nuovo fabbricato o con ampliamento della cubatura preesistente;
    • consulenza per la redazione, gestione ed invio telematico della domanda di contributo;
    • adempimenti inerenti la valutazione dei rischi di cui agli artt. 17, 28 e 29 del D. Lgs 81/2008 e s.m.i.;
    • interventi da effettuarsi in luoghi di lavoro diversi da quelli nei quali è esercitata l’attività lavorativa al momento della presentazione della domanda;
    • manutenzione ordinaria degli ambienti di lavoro, di attrezzature, macchine e mezzi d’opera;
    • adozione e/o certificazione e/o asseverazione dei progetti di tipologia 2 (progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale) relativi ad imprese senza dipendenti o che annoverano tra i dipendenti esclusivamente il datore di lavoro e/o i soci;
    • compensi ai componenti degli Organismi di vigilanza nominati ai sensi del D. Lgs 231/2001;
    • acquisizioni tramite locazione finanziaria (leasing);
    • acquisto di beni usati.



Agevolazione in conto capitale
Regime de minimis
Incentivi non cumulabili


Assi 1, 2, 3:
Contributo in conto capitale nella misura del 65% calcolato sulle spese sostenute al netto dell’IVA.
Contributo massimo erogabile pari a 130.000Euro
Contributo minimo ammissibile è pari a 5.000 Euro.
Per le imprese fino a 50 dipendenti che presentano progetti per l’adozione di modelli organizzativi e di responsabilità sociale non è fissato il limite minimo di finanziamento.

Asse 4
Contributo in conto capitale nella misura del 65% calcolato sulle spese sostenute al netto dell’IVA.
Contributo massimo erogabile pari a 50.000 Euro
Contributo minimo ammissibile è pari a 2.000 Euro.

Asse 5 (5.1 e 5.2)
Contributo conto capitale nella misura del:
    • 40% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.1 (generalità delle imprese agricole);
    • 50% per i soggetti destinatari dell’Asse 5.2 (giovani agricoltori).

Il Contributo è calcolato sulle spese sostenute al netto dell’IVA.
Contributo massimo erogabile pari a 60.000 Euro;
Contributo minimo  pari a 1.000 Euro.


Per ulteriori informazioni contattateci